Blue Society propone una visione innovativa per un nuovo modello di governance, sia nel settore pubblico sia in quello privato, con l’obiettivo di prendersi cura dell’Oceano quale parte integrante della nostra società, utilizzando risorse e servizi in modo responsabile, al fine di garantire uno sviluppo sostenibile e mantenere il benessere delle persone.

L’Oceano sostiene la nostra vita sulla Terra. L’Oceano:

  • ci fornisce il 50% dell’ossigeno che respiriamo per mezzo del fitoplancton
  • ci fornisce l’acqua attraverso il fondamentale ciclo dell’acqua
  • regola il clima, assorbendo, immagazzinando e trasportando enormi quantità di calore nel globo, compreso il 93% del calore prodotto dalle attività umane (che aumentano l’effetto serra)
  • ci nutre, fornendoci una fonte essenziale di proteine
  • ci fornisce materie prime, minerali e altre sostanze che usiamo tutti i giorni
  • ci rivitalizza offrendoci benefici fisici e psicologici
  • ci ispira e arricchisce le nostre culture
  • ci unisce, come veicolo di scambi commerciali e telecomunicazioni
  • Blue Society riconosce il ruolo essenziale che l’Oceano riveste nelle nostre vite e la necessità di preservarlo per le generazioni future, attraverso un’adeguata gestione dell’ambiente.

    L’Oceano offre opportunità straordinarie per soddisfare i fabbisogni attuali e futuri della società. Può nutrire e prendersi cura di più persone, fornire energia rinnovabile e pulita, creare posti di lavoro, generare più valore, ecc. Condividendo le conoscenze e coinvolgendo i cittadini e le parti interessate, Blue Society può promuovere soluzioni tecnologiche, ecologiche e sociali ed azioni positive.

    Blue Society crede nel potenziale dell’Oceano per garantire un futuro migliore e auspicabile, basato su uno sviluppo socio-economico equo e sostenibile.

    Sostengo

    I sei principi su cui si basa Blue Society:

  • Responsabilità comune
    Una Blue Society basata su una gestione equa e sostenibile della biodiversità e delle risorse dell’Oceano, in particolare quelle in alto mare, da parte di tutte le nazioni, attraverso una responsabilità collettiva.
  • Politiche integrate
    Una Blue Society che prenda parte al processo di sviluppo globale, attraverso l’attuazione di politiche interdisciplinari e integrate per la gestione degli spazi marini e costieri.
  • Approcci scientifici
    Una Blue Society basata su un dialogo aperto e in continuo sviluppo tra rappresentanti nazionali e internazionali, ricercatori scientifici multidisciplinari e imprenditori specializzati nel campo delle innovazioni sociali e tecnologiche.
  • Sostenibilità
    Una Blue Society che conservi e protegga gli ecosistemi naturali dell’Oceano, pur sviluppando strategie economiche nell’ottica di uno sviluppo equo e sostenibile.
  • Educazione
    Una Blue Society che promuova l’informazione attraverso iniziative ed eventi di educazione ambientale per tutti i tipi di pubblico
  • Partenariato e collaborazione
    Una Blue Society che si impegni per garantire la partecipazione attiva di diverse istituzioni, parti interessate e cittadini, a livello sia globale sia locale.
  • Chiedo

    Ai vertici della Commissione Europea, in particolare alla Direzione Generale degli Affari Marittimi e della Pesca (DG Mare) e alla Direzione Generale Ricerca e Innovazione, ai Membri del Parlamento Europeo e agli organi nazionali competenti,

  • In merito alla governance politica e istituzionale dell’Oceano, di:

    – Promuovere una gestione sostenibile degli ecosistemi marini, in particolare adottando misure legali vincolanti a livello globale per la
    conservazione e l’utilizzo sostenibile della diversità biologica marina in alto mare.

    – Migliorare l’efficienza della governance europea e nazionale, promuovendo procedure amministrative, coordinando gli organi decisionali
    esistenti, adottando organi regionali quando necessario e mobilitando i mezzi necessari per il consolidamento delle politiche marittime.

  • In merito alla governance economica, di:

    – Sostenere lo sviluppo di una blue economy su scala nazionale ed europea, focalizzandosi sul capitale naturale marino e includendo i costi del
    ripristino e del mantenimento degli ecosistemi all’interno dei costi operativi, per garantire nel contempo un accesso equo alle risorse, ai
    servizi vitali e alle opportunità fornite dall’Oceano.

    – Sostenere le aziende, che svolgono la loro attività in maniera responsabile dal punto di vista ecologico e sociale, con riconoscimenti o
    altri incentivi.

  • In merito alla gestione dell’Oceano, di:

    – Sostenere approcci di gestione trasversali, coerenti e integrati per le aree marittime e costiere, coinvolgendo le parti interessate e i
    cittadini in tutte le fasi dei processi decisionali, di realizzazione e valutazione, a tutti i livelli geografici, al fine di superare una
    logica e una gestione unicamente di settore.

    – Sviluppare una gestione precauzionale basata sugli ecosistemi, creando un’apposita piattaforma di interfaccia europea per le politiche sulle
    scienze marine basata su iniziative di successo, promuovendo una formazione interdisciplinare per le politiche e le scienze ambientali
    nominando figure responsabili per l’Oceano che svolgano il ruolo di esperti sui temi marini a livello europeo, regionale e nazionale.

  • In merito a Ricerca e Sviluppo marino, di:

    – Stimolare il processo di innovazione promuovendo organi di supporto regionale in grado di sviluppare e perfezionare strategie per una ricerca
    innovativa e responsabile, basata sul dialogo e sulla collaborazione a lungo termine tra comunità scientifica, settore privato, responsabili
    delle politiche e cittadini.

    – Promuovere la ricerca della scienza marina sviluppando un approccio cooperativo e multidisciplinare, incentivando lo scambio di conoscenze
    tra scienze naturali e sociali, e favorendo strumenti e meccanismi di finanziamento quali bandi collaborativi per progetti, piattaforme di
    scambi internazionali, ecc.

  • E in merito all’educazione e alla cultura sull’Oceano, to:

    – Impegnarsi con tutti i tipi di pubblico, adottando piani europei e nazionali per l’educazione ambientale marina, promuovendo campagne di
    sensibilizzazione che spieghino i servizi legati all’ecosistema marino, e presentando soluzioni che permettano di garantire al meglio un
    utilizzo sostenibile dell’Oceano sulla base dei principi della Blue Society.

    – Proteggere e migliorare il patrimonio culturale e naturale legato al mare, sviluppando aree protette marine e reti coordinate per preservare
    la biodiversità marina a livello regionale, promuovendone l’aspetto educativo e legato al tempo libero.

    Mi impegno

  • Ad approfondire la mia conoscenza sul funzionamento degli ecosistemi marini, al fine di apprezzare al meglio il valore della protezione e promozione dell’Oceano.
  • A supportare Blue Society sostenendo i suoi principi ogni volta che questo sarà pertinente e possibile.
  • A contribuire per garantire un dialogo aperto tra le parti interessate e a partecipare attivamente alle iniziative finalizzate a migliorare l’utilizzo e la gestione dell’Oceano.
  • A prendere in considerazione i punti di vista dei cittadini nel processo decisionale legato alle mie attività.
  • Identità

    Contatto

    * : Campi obbligatori